Medico delle piante: Rosmarino, secchezza

secchezza rosmarino

Quesito:

Da alcuni mesi le mie piante di rosmarino, anche quelle ricavate da nuove talee presentano i problemi evidenziati dalle foto, ingiallimenti e necrosi delle foglie edelle parti apicali. Il rosmarino è esposto al sole e inaffiato regolamermente una volta al giorno con moderazione.

Spero vivamente possiale aiutarmi. Ringrazio fin d’ora. 
Carolina

Soluzione:

Gentile Carolina,
pur non riscontrando dalle foto dei particolari che mettano in evidenza la presenza di parassiti mi sembra di scorgere i danni tipici di un attacco da parte di un lepidottero conosciuto come Cacoecia Pronubana.
Solitamente il danno rimane contenuto e “sopportabile” che potrebbe essere stato accentuato da conseguenziali attacchi fungini.
In ogni caso mantieni le piante in posizione ben assolata e cerca di contenere le irrigazioni per non creare un microclima idoneo alla propagazione dei parassiti.
Prima di irrigare accertati che i vasi siano asciutti, magari saggiandone il peso.
Non ritengo sia indispensabile trattare le piante coltivate per hobby con insetticidi dannosi (specie quelle ad utilizzo gastronomico) ma se l’infestazione è tale da rischiare di comprometterne il ciclo vitale puoi procedere così:
disinfetta le piante con un insetticida a largo spettro d’azione (se hai problemi a reperirne puoi consultare il Kohinor od il Meteor al seguente link facendo click qui).
Ripeti il trattamento almeno 3 volte ogni 15-20 gg. intervallando un trattamento con anticrittogamico a distanza di 7-10 gg. con ossicloruro rameico tipo Dolese.
Grazie per aver utilizzato il nostro servizio,
Cordiali saluti,
Medico delle Piante Verdeflora